/ Attualità

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 18 luglio 2018, 14:15

A Ceriale un interessante "esperimento sinergico" tra bagni marini e animazione

I bambini riscoprono i giochi di una volta e l'amore per la natura. Il tutto potrebbe un domani portare a un grande coordinamento cittadino per un calendario di eventi condiviso?

A Ceriale un interessante "esperimento sinergico" tra bagni marini e animazione

Da diverse estati, ormai, a Ceriale sta funzionando un grande percorso sinergico avviato da alcuni bagni marini cittadini con la associazione sportiva EBL. Attualmente sono oltre una decina gli stabilimenti balneari che si affidano all’intrattenimento di questo staff di una dozzina circa di persone, comprendente quattro animatori, due truccabimbi e altri collaboratori esterni.

Sotto il sapiente coordinamento di Rosy Porpora, l’associazione organizza situazioni per adulti e bambini: si spazia dall’acquadance a laboratori didattici, gare di cosplay, tornei di castelli di sabbia, arte del riciclo e molto altro.

Spiega Rosy: “Tutti i materiali che adoperiamo sono assolutamente atossici e intanto da una parte facciamo riscoprire ai bambini i giochi di un tempo, riusciamo a staccarli dagli schermi degli smartphone e dei tablet almeno durante le loro vacanze, ma nel contempo facciamo anche scoprire loro dei valori, dall’importanza di riciclare e non sprecare, al rispetto dell’ambiente, dell’ecosistema e della fauna marina e tanto altro”.

Prosegue Rosy: “Ormai sia i gestori degli stabilimenti, sia i turisti che ritornano fedelmente anno dopo anno (ma anche tanti residenti, ovviamente) sanno di arrivare in spiaggia e trovare dei volti amici. Noi infatti personalizziamo molto per ogni spiaggia gli eventi e i servizi proposti, in base alle richieste dei genitori, delle famiglie e dei titolari dei bagni. Ma soprattutto sappiamo ascoltare e abbiamo un sorriso per tutti, due valori importanti che rischiano di andare persi in quest’epoca in cui sembra che tutti, sui social network, vogliano imporsi con arroganza”.

Alla fine, qual è il sogno di Rosy Porpora? “Vorrei che a livello turistico ci fosse maggior coordinamento. Vorrei che sorgesse un comitato, fatto di gente del luogo, che vive il territorio e ne conosce le caratteristiche, il valore e le peculiarità, capace di coinvolgere gli enti pubblici, primo fra tutti il Comune, le associazioni di categoria, quelle di volontariato e molto altro per dare vita a un grande sistema turistico in grado di organizzare eventi e pacchetti di offerta capaci davvero di fare la differenza. In altre Regioni d’Italia succede già e in un’epoca di crisi come quella che stiamo vivendo è l’unico modo per invogliare il turista a ritornare, offrendogli di volta in volta qualcosa di originale e indimenticabile”.

A. Sg.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium