/ Politica

Politica | 02 dicembre 2021, 16:35

Savona, Arecco (Fratelli d'Italia) punta il dito contro il sindaco Russo per Ata: "Affidarsi a soggetti esterni comporterà per la città un onere superiore"

Attenzione anche sulla stabilizzazione dei 35 lavoratori a tempo indeterminato e 15 a tempo determinato oltre alle tempistiche del bando di gara per la Newco

Savona, Arecco (Fratelli d'Italia) punta il dito contro il sindaco Russo per Ata: "Affidarsi a soggetti esterni comporterà per la città un onere superiore"

Le linee programmatiche esposte nel consiglio comunale di Savona di martedì scorso dal sindaco Marco Russo non hanno convinto la minoranza e il consigliere di Fratelli d'Italia Massimo Arecco ha esposto tutte le sue perplessità anche in merito alla stabilizzazione dei 35 lavoratori a tempo indeterminato in Ata e ulteriori quindici a tempo determinato, specificando che il risultato è arrivato grazie al lavoro dell'ex assessore alle società partecipate Silvano Montaldo.

"Durante il recente Consiglio comunale, il Sindaco Russo ha 'deliziato' i presenti con un pistolotto post elettorale durato circa 40 minuti. Le elezioni comunali sono oramai solamente un lontano ricordo, ma il neo Sindaco pare non essersene accorto. Con questo primo articolo dedicato alla nuova giunta, non voglio ripetere le mie considerazioni generali che, de visu, ho già "consegnato" al primo cittadino" ha specificato Arecco.

"Tanto per cambiare, parlerò di Ata, esprimendo da subito le mie precisazioni e le mie critiche. Iniziamo con il porre i puntini sulle i. L'avvocato Russo, riferendosi ai 35 precari che ATA stabilizzerà, commenta orgoglioso sui quotidiani locali 'E' questa la prima risposta alla città'. Peccato che l'operazione sia stata avviata mesi or sono dall'ex Assessore Montaldo, di concerto con l'azienda, con il tribunale, il curatore fallimentare, i sindacati e che, in questi giorni, il lungo iter si sia solo fortunatamente concluso. Diverso è il discorso riferito alla nuova attivazione di contratti temporanei per 15 operatori: al riguardo sarei curioso di sapere se il relativo costo, che verrà sostenuto da ATA, cioè dai savonesi, abbia già ricevuto il beneplacito del curatore fallimentare" ha continuato l'ex vicesindaco e assessore.

"I due aspetti sui quali, da adesso in avanti, occorrerà riporre la dovuta attenzione, riguarderanno la temporanea privatizzazione di alcuni servizi fino ad oggi svolti da Ata, oltre a capire quali saranno i tempi impiegati per decretare chi si aggiudicherà il bando di gara per la Newco - puntualizza il consigliere di FdI- In merito all'esternalizzazione dei servizi, sarà interessante conoscere coloro ai quali verranno appaltati i lavori e per quale importo. Affidarsi a soggetti esterni rispetto ad Ata comporterà, probabilmente, l'accollo per la città, di un onere superiore, fosse solamente per l'utile di impresa che, qualunque azienda, ha il diritto di pretendere oltre ai costi. Con Ata, tale margine sarebbe stato inevitabilmente inferiore".

"Il secondo aspetto riguarda la tempistica con cui stanno proseguendo le procedure previste dal bando di gara per l’affidamento della nuova società. Sarebbe interessante sapere se, a partire dalla data delle elezioni, siano stati fatti significativi passi in avanti rispetto allo stato dell'arte consegnato ai successori dalla giunta precedente. E' evidente che, più si dilateranno i tempi con cui potrà prendere l'avvio la Newco, più aumenteranno i costi legati all'affidamento a ditte esterne di alcuni servizi" conclude Arecco.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium