/ Cronaca

Cronaca | 17 agosto 2017, 23:00

Attentato a Barcellona: le testimonianze di due giovani di Albenga e Andora

La polizia conferma l'ipotesi terroristica. Si contano 13 morti e 64 feriti, di cui almeno 10 gravi

Attentato a Barcellona: le testimonianze di due giovani di Albenga e Andora

Attentato terroristico a Barcellona, un furgone è piombato sulla folla a La Rambla investendo diverse persone.

Secondo il bilancio ufficiale del governo catalano, si conterebbero 13 morti e 64 feriti di cui almeno 10 in gravi condizioni.

La polizia di Barcellona, i Mossos d'Esquadra, conferma che si tratta di un attentato terroristico e che è stato attivato il protocollo per contrastare questo tipo di minaccia.

Diversi gli italiani che erano presenti: tra questi anche alcuni della Provincia di Savona, che abbiamo contattato telefonicamente.

Afferma Angelo Sesia, un ragazzo di Albenga che si trova a Barcellona con alcuni amici, una coppia che dalla città delle torri si è trasferita da un anno e mezzo a Barcellona: "Eravamo in una via parallela all'attentato quando è accaduto e nel giro di pochi minuti si è scatenato l'inferno. Gente che scappava, urla e volanti della polizia che al viva voce confermavano l'attentato. Abbiamo iniziato a correre e siamo tornati a casa dei nostri amici che abitano a Barcellona".

"Questa sera dovevamo ripartire, ma abbiamo perso il volo. Torneremo in Italia domani per poi ripartire per altri giorni di vacanza. Abbiamo avuto paura e abbiamo cercato di far sapere subito che stavamo bene ai nostri famigliari. Il clima che si respirava qui era sereno fino a ieri. C'erano i controlli, ma quelli di routine".

Racconta invece Matteo Mazzocchi di Andora: "Io sono nel distretto di Gracia, a 30 minuti a piedi da Placa Catalunya. Personalmente non ho paura anche perchè la Spagna non ha tutta questa rilevanza nella politica internazionale e la Catalunya, fortemente indipendentista, ancora meno. A quanto pare è stata scelta Barcellona come simbolo della cultura e dei modi di vivere occidentali, sempre se venisse confermata del tutti la matrice islamica e che non sia una piccola cella locale che ha agito indipendentemente e che solo a fatto compiuto venisse rivendicata come organizzata da più in alto".

Conclude Mazzocchi: "Certo fa impressione questo silenzio per le strade di Barcellona (ad esclusione di sirene e elicotteri), soprattutto perchè al momento nel distretto di Gracia dove vivo si sarebbero svolte le celebri feste del quartiere".

Mara Cacace

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium