/ Attualità

Attualità | 22 luglio 2021, 18:03

Spotorno, lavori terminati: taglio del nastro per il nuovo Municipio (FOTO e VIDEO)

Un'inaugurazione nel ricordo del primo sindaco dopo la Liberazione, "Carlin" Stognone, a cui è stata intitolata la piazza antistante l'ingresso

Spotorno, lavori terminati: taglio del nastro per il nuovo Municipio (FOTO e VIDEO)

Si è finalmente concluso un lungo e complicato cammino, avviato 14 anni or sono dall'amministrazione Marengo, che dopo aziende fallite, cause legali, varianti e altri imprevisti ha portato Spotorno ad avere, da quest'oggi, un nuovo Municipio.

Un edificio moderno e funzionale studiato per riunire in un solo immobile, comodo da raggiungere trovandosi sulla via Aurelia e con un'ampia disponibilità di parcheggi nelle vicinanze, tutti gli uffici e i servizi comunali ora sparsi in 5 sedi distaccate che manderà così l'antica Villa Albini "in pensione" dopo cinquant'anni come palazzo del governo cittadino per diventare museo della storia spotornese e ospitare iniziative culturali con un importante progetto di restauro.

"Nel recupero di questa importantissima opera dal pantano legale in cui era annegata da più di 10 anni la nostra Amministrazione ha, da subito, messo il massimo impegno - ricorda il primo cittadino Mattia Fiorini - sbloccando prima e ricominciando poi la costruzione di questa importantissima opera pubblica" utile anche per annullare "quel pessimo esempio di incuria ed abbandono che l'edificio ha dato per oltre 10 anni a chi vi passava davanti".

Tra questi proprio l'ex sindaco Marengo, che ha aggiunto: "È un bel giorno per Spotorno si concretizza un progetto atteso che dà una risposta moderna alle esigenze della nostra comunità. Passando in questa zona in passato, vedendo le condizioni della struttura, dubitavo si venisse fuori dalla situazione che si era creata". 

I lavori, ripresi nel 2018 sono stati suddivisi in due lotti per un totale di circa 1 milione e 400 mila euro, in gran parte recuperati con lo sblocco della convezione originaria impantanata insieme all'opera oltre dieci anni fa, consegnando 1.800 metri quadrati di uffici e locali tra cui una sala consiglio con terrazza per eventi all'aperto.  

Per il buon termine dell'opera il sindaco ha voluto ringraziare le tante professionalità intervenute durante il percorso e la sua "squadra" di governo cittadino, in prmis il vice sindaco e assessore ai Lavori Pubblici Marina Peluffo, definita "un'instancabile locomotiva" nel portare avanti i progetti prefissi.

Liberare i diversi locali che ospitavano la macchina comunale permetterà anche ai medici di famiglia operanti in città di costituire, in collaborazione con la vicina Croce Bianca, un centro medico sanitario a presidio del territorio nei locali attualmente occupati dai Servizi Sociali.

Un taglio del nastro duplice però. Ad accogliere i cittadini nella nuova struttura nella piazza antistante sarà una targa recante un nome molto caro ai cittadini della località rivierasca, quello di Carlo Stognone, primo sindaco dopo la Liberazione dalla Seconda Guerra Mondiale e dal periodo del fascismo.

"Carlin", come tutti lo ricordano, fu "uomo di grandissime doti morali ed abilità che ha sempre messo a disposizione dei suoi concittadini, e che ha guidato la nostra comunità fuori da un momento molto difficile" ha spiegato il sindaco Fiorini.

Gli spotornesi avranno così una nuova casa della "cosa pubblica", e domani (venerdì 23 luglio, ndr) potranno visitarla grazie all'open day indetto dall'amministrazione comunale dalle 10 alle 20.

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium