/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 21 aprile 2011, 15:00

Aschiero (capogruppo API), Tirreno Power: si chiede di far rispettare la legge e sottrarsi al ricatto lavoro – salute

"Trovo immorale che Tirreno Power obblighi i propri dipendenti a lavorare in uno stabilimento che fa ammalare e morire molti Savonesi per colpa dell'inquinamento prodotto dalla Centrale Termoelettrica di Vado Ligure (...)" E Sorgenia...

Aschiero (capogruppo API), Tirreno Power: si chiede di far rispettare la legge e sottrarsi al ricatto lavoro – salute

"Ho letto con stupore una lettera di un'amica con cui abbiamo fatto attività politica contro l'ampliamento a Carbone della Centrale Termoelettrica di Vado L. e ho trovato “arretrate” le sue argomentazioni su occupazione e salute.

 

Credo che la chiara prese di posizioni di Stefano Milano sull’argomento non possa che far trarre svantaggi all’attività della sua libreria e quindi plaudo per il suo coraggio.

Tornando all’argomento trovo immorale che Tirreno Power obblighi i propri dipendenti a lavorare in uno stabilimento che fa ammalare e morire molti Savonesi per colpa dell'inquinamento prodotto dalla Centrale Termoelettrica di Vado Ligure .

Ci sono i metodi perché ciò non accada. Ma purtroppo Tirreno Power, facente parte del gruppo SORGENIA, nonostante le agevolazioni statali, continua a produrre energia e non si conosce con precisione se produca nel rispetto delle leggi italiane ed europee.

Tirreno Power non rende pubblici a tutta la popolazione savonese i dati delle emissioni delle polveri al camino e dell'inquinamento sul territorio. Inoltre tali dati risultano rilevati in maniera approssimativa.

Mi piacerebbe che il Sindacato fosse a fianco dei lavoratori e dei cittadini per chiedere all'Azienda che facesse effettuare da un soggetto terzo con trasparenza e correttezza tali rilevamenti e per chiedere che utilizzasse i più moderni metodi di produzione di energia e di abbattimento degli inquinanti per avere la certezza che sia in regola con le leggi italiane ed europee. Ciò senza cadere nei ricatti occupazionali.

Mi piacerebbe anche che i Sindacati chiedessero all’Azienda di investire sulla produzione di Energia da Fonti Rinnovabile a Vado L. per dismettere la produzione dell'energia dal carbone, come succede nel resto dell’Europa e dove (in special modo in Germania) con il passaggio questo settore economico alle fonti rinnovabili è notevolmente aumentata l’occupazione.

In questo modo verrebbero difesi i diritti dei lavoratori, dei cittadini tutti ed aumentati i posti di lavoro.

Spesso si parla di LEGALITA' e anche in questo caso si chiede di far rispettare la legge e sottrarsi al ricatto lavoro – salute.

Tutto questo non è del tutto simile a quello che viene chiesto in altre parti d’Italia? Ad esempio, su problemi che riguardano i rifiuti e le cave. I cittadini si muovono quando la politica non dà risposte e quello che chiedono sempre è il rispetto delle regole. Il cosiddetto effetto NIMBY è così forte oggi perché in molti casi non c’è stata trasparenza da parte delle imprese e della politica, né quest’ultima ha avuto la forza di far rispettare le regole o di controllare se i privati che imprendono adempiano alle prescrizioni dovute per legge. Il nostro compito di amministratori pubblici – estremamente arduo – è ricostruire il rapporto di fiducia fra politica e cittadini sui temi dell’ambiente e della salute

No all'ampliamento a Carbone della Centrale Termoelettrica di Vado L.

Cordialmente



Giampiero ASCHIERO

Capo Gruppo API Consiglio Comunale Savona


Com. API Alleanza Per l'Italia Savona

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium