/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 14 gennaio 2021, 14:00

Finale: una sola offerta per Castelfranco. Il mondo dello spettacolo: "Solidali con la E20"

La gestione al momento verrà affidata per i soli servizi di ristorazione e ricettivo. Diversi i messaggi sui social degli artisti

Finale: una sola offerta per Castelfranco. Il mondo dello spettacolo: "Solidali con la E20"

Una sola offerta, presentata dalla Miki di Maurizio Rossello, è quella giunta agli uffici comunali al termine ultimo di ieri, 13 gennaio, per la presentazione delle offerte per aggiudicarsi la gestione della Fortezza di Castelfranco.

L'unica proposta per aggiudicarsi l'affidamento dell'esercizio delle attività di ristorazione e ricezione alberghiera è arrivata quindi dal gestore uscente, che questa volta non farebbe più parte di un raggruppamento temporaneo di imprese ma sarebbe, al momento, la sola impresa ad operare nella fortezza cinquecentesca corrispondendo al Comune un canone minimo di 42mila euro annui con l'apertura di almeno 300 giorni l'anno e l'obbligo di concedere all'amministrazione lo spazio necessario per organizzare una ventina di eventi.

Non hanno quindi trovato accoglimento le richieste di E20, società che fino a dicembre gestiva l'aspetto culturale della vita del castello, e della minoranza di rinviare l'assegnazione della struttura, visto il periodo non proprio propizio a causa del protrarsi della pandemia e delle restrizioni a essa collegate e alcuni aspetti poco chiari della futura gestione. Come ad esempio la programmazione artistica e la tipologia di eventi che si andranno a sviluppare.

Dall'assessore Casanova sono arrivate conferme sul ruolo di contenitore di cultura per la fortezza, con eventi che saranno principalmente finanziati dall'amministrazione, ma non è bastato a dare le giuste certezze a un mondo dell'arte che si è mosso sui social a sostegno della precedente gestione artistico culturale e in parte incerto su quello che sarà nei prossimi mesi.

Se il cantante dei "La Crus" Mauro Giovanardi ha condiviso l'appello lanciato da Roberto Grossi, ben più forte è stato il sostegno del comico genovese Fabrizio Casalino che ha definito quello che sta accadendo uno "scippo" di un luogo bellissimo da parte del privato "contro ogni sensatezza" e del fumettista Massimo Fenati, curatore dell'immagine della prima edizione del "Digital Fiction Festival", secondo cui la scelta dell'amministrazione rappresenta "un altro mattone della compagine artistica e culturale italiana che viene smantellato".

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium